Articoli

Copyworld e Be4 Innovation: rinnovamento tecnologico all’ennesima potenza

“C’è un elemento che rappresenta la costante di tutto il nostro percorso ed è l’evoluzione continua”. 

Andrea Pollastri, AD Copyworld S.p.A.

Non è stato difficile immaginare l’unione di due forze come Be4 Innovation e Copyworld.

Copyworld nasce a Scandicci, nel fiorentino, e col tempo cresce in tutto il territorio nazionale. La sua anima è fortemente tecnologica, specializzata nella vendita, noleggio e assistenza tecnica di un’ampia gamma di soluzioni e tecnologie in ambito Office Automation, Production Printing, Information Technology, Mobile e Visual Communication. Il suo approccio consulenziale vuole dare spazio alla personalizzazione e alla relazione con i clienti, “per garantire il massimo livello di efficienza.

“La relazione con Be4 Innovation è nata spontaneamente, per rispondere con meticolosa attenzione alle esigenze dei nostri clienti.” spiega l’AD Andrea Pollastri. Ma questa è solo un’altra tappa dell’evoluzione di un’impresa che ha messo radici nel settore stampa e ha compreso la necessità di trasformarsi nel tempo.

Trasformazione che non si arresta e che ha visto Copyworld cambiare ancora. Quest’anno l’azienda fiorentina è diventata una Società per Azioni concretizzando un preciso progetto ed esprimendo volontà di continuare ad investire per costruire relazioni sempre più solide con clienti e partner.

Dalle stampanti alla digital transformation: anticipare il cambiamento e farne il proprio core business

Copyworld nasce negli anni Settanta, quando era un’agenzia specializzata nella vendita di stampanti. Dagli anni Novanta comincia la vera evoluzione: prende l’attuale nome e rivede i suoi servizi, per rispondere alla necessità di un mondo in cambiamento.

Andrea Pollastri ci racconta che la rivoluzione digitale ha accelerato il processo di crescita e sviluppo, portandola a ridefinire attività e competenze. Oggi questi stessi processi hanno dato forma alla sua mission: accompagnare i clienti verso la trasformazione digitale e diventare un vero e proprio partner dell’innovazione di grandi aziende e PMI. “Grazie alla collaborazione con Be4”, ci spiega, “vogliamo potenziare il nostro approccio consulenziale e specializzarci sempre di più nella realizzazione di progetti di rinnovamento tecnologico includendo anche una consulenza di tipo economico-fiscale”.

In occasione di questa partnership, abbiamo fatto qualche domanda all’AD Andrea Pollastri, per conoscere cosa ci riserva il futuro.

Quali sono gli scenari futuri nel settore stampa e nel mondo IT?

È certamente cambiato il modo in cui stampiamo, lo facciamo da diversi dispositivi e in luoghi differenti. Le stampanti sono viste come uno strumento fondamentale per condividere, conservare e distribuire le informazioni e sono quindi connesse al cloud. Ma cosa comporta questo? Comporta un aumento dei rischi per l’azienda se non si considera l’ambiente di stampa come un elemento da proteggere. Occorre incrementare il livello di difesa contro le minacce informatiche al fine di evitare la compromissione della rete aziendale e la sottrazione dei dati sensibili.

Da qui l’importanza di puntare su una solida infrastruttura informatica e su un tema molto caldo che è quello della cyber security, sia in ambito aziendale che domestico, poiché con la pandemia è cambiato il nostro modo quotidiano di lavorare, rendendo protagonista anche la casa.

Se guardiamo i dati del rapporto Clusit 2021 sulla sicurezza ICT in Italia lo scenario è preoccupante, in Europa gli attacchi informatici sono passati dal 15 al 25% e gli attacchi con impatto critico ed elevato sono passati dal 49% al 74%. 

Cosa accadrà quindi nel futuro? La sicurezza informatica assumerà sempre più un ruolo centrale e la stampa continuerà a evolvere abbandonando per sempre il concetto di stampa fine a se stessa; i dispositivi di stampa saranno sempre più la porta di accesso alla digitalizzazione di tutte le informazioni e all’automatizzazione dei flussi di lavoro.

Industria 4.0: cosa potrebbe accelerare la trasformazione della PMI?

La pandemia ci ha portato alla ridefinizione di diversi asset aziendali, da questo punto di vista il momento di crisi vissuto dalle PMI si può trasformare in opportunità puntando sulle tecnologie smart e sui contributi previsti dal piano Industria 4.0. La trasformazione delle PMI può avvenire solo se si decide di abbracciare un cambiamento profondo che riguarda sia i processi aziendali sia la cultura dell’azienda. Per far questo però occorre percepire la trasformazione come un investimento e non come un costo e puntare sul potenziamento delle proprie competenze e sul supporto di partner specializzati.

Il nostro impegno si traduce nell’offrire ai clienti una consulenza e poi delle soluzioni personalizzate per facilitare il loro percorso verso la trasformazione digitale. In questo contesto si inserisce una partnership come quella appena instaurata con Be4 Innovation.

L’Industria 4.0 deve essere vista come un nuovo punto di partenza, l’occasione per essere sul mercato continuando ad essere competitivi.

I vostri progetti futuri?

Continuare a specializzarci sempre più, ampliare le nostre certificazioni e le nostre competenze sia in fase di pre-vendita sia in fase di post-vendita. Il nostro valore aggiunto è dato dall’approccio fortemente consulenziale, partiamo dall’analisi dell’esistente, passando attraverso la comprensione delle esigenze per poi proporre la miglior soluzione che risponda alle richieste del cliente. Tutto questo è reso possibile grazie al nostro percorso di crescita cominciato anni fa, su cui investiamo e su cui non smetteremo mai di investire, incentrato su formazione e specializzazione.

A proposito di formazione: quanto conta per voi? Che tipo di formazione fate?

La formazione rappresenta il nostro valore aggiunto e ha un doppio significato: formazione per noi e per i nostri clienti. Per poter rispondere in maniera efficace ed efficiente alle richieste di questi ultimi è fondamentale essere specializzati, per questo motivo il nostro reparto assistenza segue continuamente corsi di formazione e aggiornamento con i nostri partner.

Non puntiamo solo alla formazione del nostro organico ma anche sulla formazione dei nostri clienti, vogliamo renderli autonomi nella gestione quotidiana delle loro attività con la consapevolezza di poter contare sull’elevata specializzazione dei nostri tecnici. 

La trasformazione digitale ha cambiato anche la comunicazione: come gestite la comunicazione del vostro brand?

Negli ultimi anni abbiamo assistito a un cambiamento repentino del modo in cui i clienti si rapportano ed entrano in contatto con le aziende, oltre che del modo e delle tempistiche in cui le informazioni vengono reperite. La comunicazione digitale rappresenta il presente e il futuro e per noi è un asset strategico perché ci aiuta a esprimere in tempo reale il nostro continuo cambiamento.

Utilizziamo come canali principali per informare i nostri clienti le più note piattaforme social e video e l’email marketing: tutti questi strumenti hanno un’importanza strategica perché ci permettono di analizzare gli interessi e il sentiment dei nostri clienti. 

La nostra strategia si basa sulla creazione di contenuti di qualità più che sulla quantità delle informazioni veicolate, questo perché stiamo vivendo un periodo di overload informativo e noi vogliamo essere presenti online ma con metodo, consapevolezza e coerenza rispetto ai valori della nostra azienda. 

È cambiata anche la nostra comunicazione interna: ricorriamo a più canali per coinvolgere e rendere tutti partecipi delle novità e di quanto accade in azienda. Utilizziamo la newsletter, un canale di messaggistica e abbiamo posizionato alcuni display in più punti dell’azienda per veicolare velocemente le informazioni.

In che modo i vostri prodotti possono contribuire alla risoluzione di problematiche ambientali?

Nel corso degli anni ci siamo impegnati su diversi fronti per sensibilizzare i nostri clienti sulla tematica ambientale.

Da sempre ci affidiamo ai migliori brand del mercato, che non solo garantiscono qualità e ampia gamma di prodotti, ma dispongono di numerose certificazioni dal punto di vista ambientale, sia grazie a prodotti dall’altissima efficienza energetica che per tecnologie green di ultima generazione. Oltre a proporre prodotti a basso impatto ambientale, gestiamo il loro ciclo di vita per far sì che vengano smaltiti correttamente. 

Nell’ambito specifico del printing, effettuiamo inoltre il ritiro dei consumabili esausti e proponiamo software di gestione di stampa che consentono di ridurre gli sprechi e incoraggiare un comportamento più responsabile e consapevole da parte degli utenti, grazie a policy di stampa come stampa di e-mail consentita solo in fronte-retro e bianco e nero, quote massime di lavoro per utente o gruppo, blocco del lavoro in caso di formato carta errato o reindirizzamento del lavoro di stampa, a seconda della sua tipologia, al dispositivo più indicato.

Recentemente abbiamo inoltre elaborato un piano di sostenibilità di lungo periodo che ruota attorno a tre pilastri fondamentali: pianeta, persone e comunità. Ci siamo impegnati ad intraprendere una serie di azioni con l’obiettivo di cambiare il modo di fare impresa, migliorando il nostro impatto ambientale e la società in cui viviamo.