Formazione, recruiting e innovazione di prodotto: l’identikit di T4 Project

Torniamo a parlare dei nostri clienti, stavolta per raccontarvi una realtà di spicco nel settore IT: si tratta di T4 Project, con sede a Milano. 

Abbiamo intervistato Cesare Ceruti, Chief Executive e fondatore di questa realtà lombarda alla continua ricerca di innovazione. 

T4 Project nasce nel 2000, forte della pregressa esperienza dell’azienda di famiglia Ceruti nel settore IT. “In questa occasione – racconta Cesare Ceruti- ho provato diverse esperienze: ho lavorato con la programmazione per anni, ho avuto a che fare con hardware, software e anche assistenza tecnica ai Clienti. A queste attività ho affiancato quella commerciale: quando ho realizzato di conoscere a fondo ogni aspetto dell’azienda, ho deciso di rischiare e avviare la mia attività in autonomia.” 

Oggi T4 Project conta circa 30 collaboratori, tra dipendenti e consulenti, e lavora fianco a fianco con i suoi clienti. Il supporto fornito può avvenire su attività specifiche, quasi in ottica “tailor made”. “Siamo meticolosi e pronti a rispondere ad ogni esigenza, soprattutto perché molto preparati e formati a dovere. Abbiamo persone fisse in azienda, all’interno del nostro organico, che si occupano di sviluppo software e altre impegnate costantemente con i nostri Clienti.

T4 Project si occupa di servizi IT, l’attività più longeva dell’azienda. Tra i clienti dell’azienda milanese spiccano nomi come Allianz, Electrolux, ViacomCBS, Discovery Channel, Federfarma, tutte realtà con cui T4 Project ha una relazione diretta e non mediata da altre società. Realizza anche siti web e App Mobile, enterprise o consumer.

“A queste attività se ne affiancano altre, in cui ci siamo specializzati negli ultimi cinque anni: sviluppo di software ad hoc per il cliente, e ricerca di personale specializzato nel settore IT, e non solo. Questo avviene in un clima di grande fiducia con il cliente, che affida a noi un processo delicato e deciso per l’azienda. E poi c’è la formazione customizzata in base al cliente. In base alle esigenze cerchiamo la persona giusta, quella che abbia sia le competenze tecniche che quelle comunicative, perché in aula non basta essere soltanto un ottimo professionista, specie nel mondo IT. La capacità di relazione è fondamentale.”

Ci sono poi i prodotti che una volta sviluppati vengono immessi sul mercato, come ad esempio T4 Event Software nato per soddisfare le esigenze di un prospect (che non si è mai trasformato in cliente), che è stato sviluppato nel 2016 e rilasciato nel 2017, ma è costantemente in continua evoluzione grazie ai Clienti che chiedono continue implementazioni seguendo ognuno le proprie esigenze. 

“Si tratta di un software nato per la gestione eventi, ma che oggi viene utilizzato anche per supporto alle fiere, incentivi, corsi di formazione, contingentamento, prenotazioni visite guidate, T4 Event punta ad automatizzare il più possibile i processi all’interno delle aziende. Un cliente come Allianz organizza circa 200 eventi l’anno, con circa 10 persone impegnate solo per questo. Prima di T4 event, la gestione avveniva manualmente: invio dei documenti, raccolta delle adesioni, invio delle news, raccolta dei dati e reportistica. Abbiamo messo a sistema tutti questi processi, analizzato il flusso di informazioni e automatizzando la raccolta dati grazie al nostro software. Questo ha portato un notevole risparmio di tempo e risorse.” 

Innovare l’esperienza, digitalizzare il flusso e i processi per rendere piacevole e indimenticabile l’esperienza fisica, sembrerebbe un’ottima sintesi di quel concetto di Phygital di cui si parla molto. 

“La nostra filosofia? Non vendersi per quello che non siamo, ma allo stesso tempo essere sempre pronti a rischiare e conquistare il mercato. Nel momento in cui c’è un’opportunità deve essere colta, creando relazioni nuove dove possibile. Anche se il team è piccolo, lavoriamo con obiettivi di grandi aziende, con processi all’avanguardia come nelle grosse aziende (ad esempio svilupopo software in modalità agile.”)

Ricerca e innovazione, quali sono i progetti di T4 Project? 

“Sicuramente posso raccontare uno dei nostri ultimi progetti, davvero interessante. Una clinica di Milano (Integrativee Medical Solution), nostra cliente, ci ha coinvolto in un progetto innovativo. Tramite una macchina detta Bioscan è possibile fare l’anamnesi completa del paziente che appoggiando le mani su una piastra in metallo ottiene una “mappatura” delle frequenze interne, con dei marker che indicano una problematica in corso o che potrebbe svilupparsi.

La macchina è tedesca, ed il software collegato è russo. Il nostro compito è stato estrapolare e automatizzare il flusso dei dati che raccoglie il software e portarli in piattaforma per renderli fruibilii al medico e successivamente  chiari e leggibili al paziente. Questi dati andranno successivamente la cartella clinica dello stesso paziente. 

Quali sono i trend che stanno modificando il settore IT?

“Ce ne sono tanti, ma il più importante è l’analisi dei dati. Oggi si cerca di capire le persone attraverso i dati; quali sono i prodotti che apprezzano di più, quali sono gli alimenti che consumano più volentieri, quali sono i loro gusti e le abitudini. Si raccolgono dati in maniera scientifica, si analizzano e questo lavoro viene pagato profumatamente.

Trend che conduce anche alla nascita di nuove figure professionali, come il Data Scientist, che sono già introvabili sul mercato. Per trovarle occorre prendere delle figure professionali con determinate skill, formarle internamente e poi proporle al mercato.”

Nel periodo pre-pandemia, in ambito IT, il mercato italiano era carente di figure professionali specializzate. La richiesta, che non ha trovato realizzazione, era di circa 300000 figure in italia nel settore IT. “T4 Project si occupa di “formazione on the road”: cerchiamo il professionista giusto, lo inseriamo nel team e lo formiamo strada facendo sui nostri prodotti e sui clienti. Bisogna formare costantemente le risorse interne, che altrimenti non riuscirebbero a crescere o perderebbero entusiasmo se abbandonate solo alla tecnologia. Quest’anno grazie al Bando Anpal abbiamo formato tutte le persone interne in base alle loro esigenze, nella massima soddisfazione di tutti.”

“A tal proposito, aver conosciuto una realtà come Be4 Innovation e Alambicco Academy ci permette di lavorare in quell’ottica di crescita continua, di portare all’interno dell’azienda quello che scopriamo durante i corsi di formazione manageriale. Il mondo della 4.0 è complesso, una guida è essenziale per orientarsi tra le diverse misure a disposizione.” 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *